Dragonball Z - Immagini, le tre serie e tante news


| Dragon Ball | Dragonball Z | Dragonball GT | Aggiungi ai Preferiti | Policy Privacy |



Torna alla home di Dragonball z  




  Timeline & Desideri  
Prima di Dragonball
DB - Prima serie
DB - Conclusioni
DBZ - Sayian
DBZ - Androidi e Cell
DBZ - Majin Buu
DBGT - Terza serie
Disclaimer

  Saghe e altro ...  
Saga di Freezer
Saga di Cell
Saga di Majin Bu

  Sezioni d'interesse  
Tenkaichi Budokai 2
Lamincards
Action figures
Episodi della saga
Giocattoli & Abiti
Episodi Db Dbz Dbgt

    Siti su DB     
Dbzot.it
Dragon-ball.it
Dragonball.com
Dragonballz.com
Dragonball Dmoz






  Dragon Ball - Prima serie

Commenti e critiche 1 2 | Introduzione... | Livelli Forza DB | Eta' Personaggi

Tutto sulla prima serie del mitico anime di Dragonball, 71 capitoli scritti da esperti del cartone con tanto di critiche e commenti.
Titoli episodi - Storia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 . . . . . 71


















SPECIALE DRAGONBALL VIDEOGAME
Videgiochi DragonBall dal 1989 a oggi


Varie relative all'anime piu' amato di sempre  

 
  Sfere del Drago
 
 
 
 
 
 
  Draghi 1 - 2
 
 
  Sigle
 
 

 
Personaggi  

     

Dragon Ball Z

Commenti e critiche | Fusioni Dragonballz | Livelli Forza DBZ

La sezione di DragonballZ è finalmente al completo. La sezione è quasi interamente divisa per Saghe, da Freezer a Majin Bu ... >
Titoli - SAGHE : Freezer - Sayan - Cyborg - Cell - Torneo - MajinBu

Dragon Ball GT

Commenti e critiche 1 2 3 | Introduzione... | Livelli Forza DBGT

In conclusione Dragonball GT è una serie che se non fosse
stata “erede” naturale di uno dei più grandi Shonen di tutti i ... >

Titoli episodi - Storia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13


Considerazioni a carattere generico su Dragon Ball - Dragonball Z - DBGT

Il mitico Dragon Ball è stato diviso in tre serie di cui due sono state curate e seguite dall'autore, Akira Toriyama e l'altra fu unicamente voluta dalla produzione. Se guardiamo le tavole del maestro Toriyama, le troveremo incredibilmente spoglie, senza il minimo uso di un retino, grossolane e a tratti quasi anonime, eppure Toriyama, con il suo primo Dragon Ball, una serie estremamente lunga che durò quasi un centinaio di puntate, mise come protagonista un bambino di nome Goku, andando a ripescare elementi della tradizione nipponica.

La scelta fu fortunata (pare che il popolo nipponico adori vedere la tradizione nazionale trasudare ovunque, persino tra le pagine di un banale fumetto per ragazzi) e Goku divenne il paladino di molti giovani. Essenzialmente tutta la prima serie si poteva dividere in tre parti durante le quali il protagonista si scontrava con dei nemici (prima Pilaf, poi l'Armata del Fiocco rosso e poi il Grande Mago Piccolo), uno più agguerrito dell'altro.

Lo scopo principale di ciascuna vicenda era quello di ottenere e riunire tutte le sette sfere del Drago con le quali era possibile esaudire qualsiasi tipo di desiderio. Se all'inizio della serie era proprio il protagonista, accompagnato da Bulma e dal suo radar cerca sfere a cercarle, successivamente saranno i nemici ad andare alla caccia di questi straordinari oggetti magici e quindi al protagonista veniva chiesto di anticipare le mosse dell'avversario e di di mettere al sicuro almeno una delle sfere (erano necessarie tutte e sette affinché il desiderio potesse essere esaudito).

Grazie all'elemento “sfera”, l'autore poteva giustificare sia i combattimenti che le avventure in una tipologia di prodotto ben più leggera e fruibile da tutti quanti. Straordinaria fu poi l'idea di far crescere i personaggi fino a farli diventare adulti. Goku, per quasi tutto il cartone animato, è solo un bambino, però poi, dopo il combattimento contro il Grande Mago Piccolo andrà ad allenarsi per moltissimi anni al preciso scopo di battersi e di sconfiggere il figlio del suo avversario, nato da un uovo espulso dallo stesso padre proprio mentre stava morendo.

Il piccolo “alieno”, che si chiamerà Piccolo (qui conosciuto con il nome di Junior), avrà il medesimo processo evolutivo del protagonista ed alla fine della prima serie i due saranno dei ragazzi. Grazie a questo espediente fu possibile poi la creazione di un vero e proprio nucleo familiare composto da Chichi, Goku ed il figlio di quest'ultimo, Gohan (prendeva il nome dal nonno adottivo del protagonista). Akira Toriyama, con la sua seconda e più famosa serie, DragonBall Z, riuscì a contestualizzare i personaggi che lo avevano reso famoso, ovvero Goku e Piccolo.
In tal modo, quindi, l'autore si prodigò a provvedere un background ad entrambi, introducendo, così, una storia che spiegasse le loro rispettive origini.

Questa scelta oltre che a chiarificare maggiormente le posizioni di entrambe, permetteva al mangaka di estendere il suo progetto oltre la sfera terrestre... già, perché si scoprirà che Goku fa parte della stirpe dei Sayan, popolo appartenente al pianeta Vegeta, mentre Piccolo è un Namecciano, appartenente al pianeta Namek. Le radici del nostro protagonista vengono, perciò svelate, solo dopo più di cento puntate ed in una serie totalmente nuova nella quale si faceva un uso ancor più palese delle Sfere del Drago, che stavolta verranno sfruttate quasi sempre per potare in vita delle persone, più specificatamente i guerrieri morti in battaglia, protagonista compreso! Non dimenticate i sunti delle saghe di Majin Bu , Cell e Freezer.

 

| Policy Disclaimer | Mappa del sito | DB1 DB2 | DBZ1 Z2 Z3 Z4 | DBGT1 GT2 GT3 |
Copyright 2002-2013 Dragonball-Z.IT - Tutti i diritti Riservati DragonballZ